Rassegna stampa

Pagina 15 di 16 - 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16

I Nativi Digitali
Fonte: Zenit del 17/04/2019

.. Internet è solo uno dei tanti cambiamenti indotti dalla rivoluzione digitale, la cui tecnologia non può essere semplicemente interpretata come “strumenti”: la rivoluzione digitale è tale perché la tecnologia è divenuta un ambiente da abitare, una estensione della mente umana ... articolo del prof. Tonino Cantelmi su ZENIT

Pubblicato il 19/04/2010

Omosessuali e pedofili? Confusione
Fonte: Il Riformista 14/04/2010

Intervista pubblicata sul Riformista: "Parla lo psichiatra. Tonino Cantelmi insegna alla Gregoriana e spiega che il cardinale Bertone pensava «forse agli abusi sessuali su minori post-puberali, 12-16 anni».In realtà c’è una certa confusione sull’uso della parola pedofilia dalla quale si generano cortocircuiti mediatici. Secondo lo psichiatra «non c’è legame fra pedofilia e omosessualità, la pedofilia è un’attrazione per bambini prepuberi, si tratta di una forma sadica e antisociale»"

Pubblicato il 14/04/2010

Chiesa e pedofilia
Fonte: Corriere della Sera del11 aprile 2010

Goffredo Buccini, Corriere della Sera, intervista il Prof. Tonino Cantelmi, Don Gianluca Attanasio e Don Mario De Maio sulla qestione Chiesa e pedofilia. Prof. Cantelmi: «C' è un' attenzione spasmodica, la Cei disegna un prete del Terzo Millennio di altissimo livello, noi abbiamo bisogno di preti-eroi».

Pubblicato il 12/04/2010

I BAMBINI NON SI TOCCANO…
Fonte: Asca

Il progetto “I bambini non si toccano…” ha tra le tante finalità quella precipua di prevenire e contrastare il triste fenomeno della pedofilia: il gioco può aiutare e svolgere una valida azione di conoscenza e di identificazione del fenomeno.

Pubblicato il 18/03/2010

Sul “caso Morgan” e la cocaina interviene lo psichiatra Tonino Cantelmi
Fonte: La voce del 19 febbraio 2010

Un “messaggio devastante per milioni di giovanissimi” - Così Tonino Cantelmi, psichiatra, ha definito le “irresponsabili dichiarazioni” del cantante Morgan sull’uso di cocaina per combattere la depressione, che gli sono costate l’esclusione dal Festival di Sanremo. Ribadendo la necessità di “tolleranza zero contro la droga”. Sono soprattutto loro, i ragazzi più giovani, le disarmate vittime di questa vicenda: sempre più disorientati e confusi, hanno recepito il messaggio che la droga può aiutare a stare meglio e a divenire personaggi di successo come il cantante.

Pubblicato il 22/02/2010

Come vivere serenamente l'amore
Fonte: Stile.it

Stile.it dedica un articolo al libro "Scusa se non ti chiamo (più) amore". Quando qualcuno ci colpisce e ci innamoriamo, siamo più spaventati oppure felici? Ci mette in crisi sapere che il sentimento che proviamo ci espone al rischio della perdita o spicca il bisogno di verificare se l'altro sarà colui che ci starà accanto tutti i giorni? Tonino Cantelmi, psichiatra, e Michela Pensavalli, psicologa, autori di Scusa se non ti chiamo (più) amore (San Paolo edizioni) spiegano come scegliere il tipo giusto e vivere sereni...

Pubblicato il 22/02/2010

Oscurato su Facebook il gruppo contro i bambini con la sindrome di Down
Fonte: Radio Vaticana

Radio Vaticana Intervista il Prof. Cantelmi. E' stato oscurato il gruppo-choc su Facebook intitolato “Deridiamo i bambini Down”, che in poche ore aveva ottenuto oltre 1.300 adesioni. All’interno del sito la foto di un neonato e l’invito a "giocare al tiro al bersaglio”. “Questi gruppi rappresentano un fatto grave generato da una cultura crescente che denigra il più debole” ribadisce Tonino Cantelmi presidente degli psicologi psichiatri cattolici italiani. Paolo Ondarza lo ha intervistato:

Pubblicato il 22/02/2010

Internet: ecco i bimbi digitali nati con un cervello modificato dall’uso del Web
Fonte: PrimaDaNoi.it del18/02/2010

Sopsi 2010: Li chiamano 'nativi digitali', "sono i bambini nati dal 2000 in poi che oggi hanno all'incirca 7-8 anni, vittime di una pressione tecnologica davvero pericolosa". Parla Tonino Cantelmi, psichiatra e docente di Psicologia dello Sviluppo e dell'Educazione presso la Lumsa di Roma e docente di Psicopatologia dei consumi alla Sapienza, ospite del 14° Congresso della Società Italiana di Psicopatologia. "Abbiamo studiato questa nuova generazione, 'i nativi digitali' e sono emerse delle caratteristiche comuni che invitano ad una riflessione. Questi bambini sono veloci ma superficiali, mostrano un pensiero sequenziale e percettivo ma molto scarsa è la capacità simbolica...

Pubblicato il 19/02/2010

Spiare non risolve i problemi:i figli hanno bisogno di dialogo e autorità
Fonte: Vero Settimanale di attualità- Anno VI n. 7 – 20 Febbraio 2010

Gps, sensori e cellulari ai figli: per stare più tranquille le mamme diventano spie. I genitori combattono ansie e paure con la tecnologia. Sarà utile? Il settimanale Vero lo ha chiesto al Prof. Tonino Cantelmi docente di Psicologia dello Sviluppo e dell'Educazione, Lumsa Roma. “Controllare i propri figli con strumenti super tecnologici o semplicemente spiando conversazioni e messaggi è il sintomo dell’incapacità educativa dei genitori di oggi. Oggi i genitori preferiscono spiare piuttosto che dialogare. A casa non si parla e a volte non si litiga nemmeno. E si preferisce controllare in silenzio. Pessimo metodo”...

Pubblicato il 17/02/2010

Scusa se non ti chiamo (più) amore
Recensione eintervista radiofonica Radio in blu

Alla luce di quanto viviamo, leggiamo e sentiamo vibrare intorno a noi, ogni giorno, l’uomo e la donna possono ancora costruire relazioni affettive reali? È la domanda che viene snocciolata in questo libro scritto a quattro mani da due psichiatri e psicoterapeuti che lavorano a Roma: Tonino Cantelmi e Michela Pensavalli. La risposta è “Scusa se non ti chiamo (più) amore” (Edizioni San Paolo). Ascolta l'intervista fatta agli autori da Radio INBLU

Pubblicato il 10/02/2010

Un nodo da sciogliere per il futuro governatore del Lazio: l'assistenza psichiatrica
Fonte: Fare Futuro WebMagazine del 2 febbraio 2010

Lo Psichiatra Tonino Cantelmi per "Fare Futuro". È necessario ripensare l’organizzazione dell’assistenza psichiatrica nel Lazio? Tonino Cantelmi, presidente nazionale dell’Associazione italiana psicologi e psichiatri, non ha dubbi in proposito: «Basta pensare che, dopo 30 anni di demanicomializzazione, il 70% degli italiani ancora si vergognerebbe di un figlio malato di mente e lo nasconderebbe agli altri. Negli ultimi anni – continua Cantelmi - abbiamo assistito a una sorta di clamorosa disattenzione. Il dibattito che si era acceso circa la necessità di modificare l’assistenza psichiatrica, si è spento ed è calato un agghiacciante silenzio. Ritengo, invece, che sin da ora sia necessario che quanti si candidano a condurre questa Regione verso una modernizzazione autentica, non trascurino la psichiatria e soprattutto le richieste di quanti soffrono».

Pubblicato il 03/02/2010

Parola di scienziati: la religiosità fa bene al cervello.
Fonte: Avvenire - Gli editoriali - 27 gennaio 2010

Tonino Cantelmi per gli editoriali di Avvenire: Dobbiamo dunque dire addio alle teorie freudiane e a tutte le successive ipotesi che hanno collegato il fenomeno religioso e il desiderio di spiritualità alla psicopatologia, alla nevrosi e comunque ad un presunto “cattivo funzionamento” mentale? Sembrerebbe proprio di sì, a giudicare da quanto emerge da uno studio dei ricercatori Agostino GIRARDI e Alessandra COIN della Clinica Geriatrica dell'Università di Padova, diretta dal professor Enzo Manzato, e pubblicato sulla prestigiosa rivista "Current Alzheimer Research".

Pubblicato il 27/01/2010

Sofferenza mentale: un tema ignorato dal dibattito politico sulla Regione Lazio
Fonte: periodicoitaliano.it del 26/01/2010

Intervista dello Psichiatra Tonino Cantelmi su WebMagaziene Periodico Italiano. “I servizi psichiatrici – afferma Cantelmi- nonostante tutti gli sforzi, sono al collasso e i cittadini li percepiscono sempre più distanti, freddi, lontani ed inefficaci. Il primo grande problema riguarda l’urgenza-emergenza psichiatrica: inutile negarlo, non funziona. Non funziona in modo drammatico a Roma. Non funziona perchè i posti letto nei servizi psichiatrici ospedalieri sono del tutto insufficienti. Non funziona perchè il sistema di pronto intervento è farraginoso, lento, disorganizzato.”

Pubblicato il 26/01/2010

Soli davanti allo schermo, si credono “avatar”.
Fonte: Il Messaggero del 25/10/2010

Intervista del Prof. Cantelmi al Messaggero del 25/10/2010: «Non dobbiamo stupirci di fatti come quelli accaduti a Torino, dove un ragazzo di 16 anni ha accoltellato il padre per aver staccato la spina della playstation con la quale stava giocando. Sono reazioni perfettamente spiegabili come conseguenza di una situazione che ormai sta diventando davvero critica» spiega Tonio Cantelmi, psichiatra all’Università gregoriana di Roma. «I ragazzi sono di fatto immersi in una realtà virtuale – spiega Cantelmi – che ha come prima conseguenza quella di desensibilizzare i giovani nei confronti dell’aggressività. In pratica saltano tutti gli schemi e non si ha più la percezione della gravità delle proprie azioni come appunto quella di reagire in maniera violenta contro chiunque, perfino contro il proprio genitore.

Pubblicato il 25/01/2010

Se l'azzardo addormenta la passione per la sfida
Fonte: Avvenire - Gli editoriali - 8 gennaio 2010

Tonino Cantelmi su Avvenire "Gli editoriali". Il 3% del PIL in Italia viene bruciato in scommesse e giochi d’azzardo. Per la maggior parte delle persone il gioco è sfida, misura di sé, sogno, desiderio, ricerca di felicità a poco prezzo, evasione, emozione e molto altro ancora. La disponibilità poi di bische sempre disponibili e facilmente accessibili, grazie alla enorme potenzialità della Rete, moltiplica all’infinito il fascino magnetico del gioco d’azzardo e del poker in modo specifico. Tutto senza conseguenze? Non proprio.

Pubblicato il 08/01/2010
Pagina 15 di 16 - 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16