Lockdown e tecnologia: come cambia la psicologia delle persone

Il covid 19 e il periodo di lockdown ci hanno costretti a ridimensionare molti aspetti delle nostre vite: nell'ultimo anno emozioni contrastanti e negative sono spesso state protagoniste delle nostre giornate. Con il Prof. Tonino Cantelmi Psichiatra e docente di Cyberpsicologia presso la UER di Roma, financeTv ha indagato gli effetti che la paura e l'ansia hanno avuto sulla collettività negli ultimi mesi. DAD, Smartworking e il cosiddetto tempo sospeso: come tornare a guardare con fiducia verso il futuro? Guarda l'intervista.

Health: Cantelmi (Amci Roma), “against inequalities, targeting health care on the most ‘disabled’ people”

Beyond the precious contribution that technologies and artificial intelligence can offer, without the human there can be no authentic medicine. Recovering humanity in relationships concerns not only our profession, but becomes fundamental in medicine ”. This, declares to Sir Tonino Cantelmi, psychiatrist and health director of the Opera don Guanella rehabilitation center – Casa San Giuseppe, elected on June 26 as the new president of the Rome section of the Italian Catholic Doctors Association (AMCI), “the first challenge” which challenges health professionals. The second is “the fight against inequalities”.
 

Psicologia del perdono e psicologia della compassione

 Secondo lo psichiatra Tonino Cantelmi la situazione pandemica, oltre a costringere noi tutti all'isolamento forzato, ha generato la necessità di adattamento rapido ai nuovi cambiamenti ed ha rinforzato la modalità tecnomediata della relazione, con un conseguente utilizzo smisurato della tecnologia digitale. Una pandemia che ha investito più aspetti delle nostre vite: quello lavorativo, economico, sociale e relazionale. Alla luce di ciò che abbiamo vissuto, come possiamo ritrovare un nuovo equilibrio? In che modo gli adulti possono aiutare i più giovani nella costruzione di sé e del mondo futuro?

Fiuggi, 64° congresso Rotary International: sfide dell’Italia post pandemia

Si è appena concluso il 64° Congresso del Distretto 2080 Rotary che si è svolto a Fiuggi dal 25 al 27 giugno. Convegno dal titolo significativo, “Tra Dedalo e Arianna il filo del Rotary nel labirinto della crisi”, e dai temi di stretta attualità: Ambiente, Salute, Giovani e Pace. Il Prof. Cantelmi ha parlato dei danni psicologici, ha voluto porre l’attenzione sulla fragilità mentale tra i giovani durante la pandemia. Il lockdwon ha sviluppato disturbi nel sonno, ansia, oltre a forzati distanziamenti sociali e quindi privazione di quelle aggregazioni e confronti essenziali per la crescita della “Next Generation“. «Ora, dopo aver vissuto un “tempo sospeso” - spiega il Prof. Cantelmi. dobbiamo assimilare il concetto anti-fragilità. Quindi, sviluppare nei nostri giovani un’abilità che è stata sommersa durante la pandemia, riattivando il pensiero al futuro, guardare in prospettiva».